Memorie

Commendator Giovanni VACALEBRE

 

Nella serata del 3 settembre il Mar.Magg.”A” Comm. Giovanni VACALEBRE, con il conforto della famiglia ci ha salutato con la sua solita discrezione e simpatia, da vecchio Combattente, che ci ha sempre spronato nella nostra giovinezza al mantenimento di una dignità sopra le parti nel rispetto delle buone maniere per elevare il Valore del Nostro Prestigioso Comando (5° C.A.).

 

All’atto del trasferimento in Vittorio Veneto del Comando V Corpo d’Armata, proveniente da Padova Giovanni era presente in quel lontano 30 settembre 1953. Il giorno 29 settembre 2013 era presente alla cerimonia di chiusura e mi ha confessato, con commozione, che si sentiva tradito dalle “Istituzioni” per aver estirpato il 1° Comando Forze di Difesa (FOD) -erede del Comando del 5° Corpo d’Armata- al quale aveva contribuito con il suo impegno e disciplina alla valorizazione di detta grande unità complessa.

 

La Sezione di Vittorio Veneto dell’Associazione Nazionale del Fante, lo ricorderà sempre come un “militare” tutto d’un pezzo ma capace sempre di dare un consiglio utile e fraterno quando capiva le nostre “piccole difficoltà”.

Grazie Giovanni, grazie per le tue virtù …, per i tuoi incoraggiamenti.

 

Voglio citare le parole di un altro Maresciallo Maggiore Aiutante di 93 anni collega e amico sin dall’anno 1948, tratte dal testo di una E-Mail, inviata ad alcuni soci dell’UNSI-Sezione di Conegliano-Vittorio Veneto:

 

“Molto più che un collega, molto più che esempio di forma e comportamento inappuntabili, molto più di me, soldato di inimitabile antico stile cavalleresco nei "Bianchi Lancieri di Novara", Giovanni VACALEBRE è stato come un fratello maggiore. Conosciuto nel 1948 nella Caserma XXIX ottobre in Codroipo dove ancora evidenti erano i segni dei bombardamenti, l'ho sempre stimato ed ammirato ed a Lui, solo di pochi anni men giovane ma ricco di esperienza bellica, sono ricorso per consigli ed incitamenti.

Noi lo abbiamo applaudito, novantenne, Campione del mondo di marcia e, ultimamente, lo abbiamo acclamato nostro Decano in UNSI nella quale militava dal 1995 dopo essere stato fra i primi soci della Sezione ANSI di Vittorio Veneto dal 1988 al 31 dicembre 1994. Gli mancavano poco più di cinque mesi per tagliare il traguardo, lui, podista infaticabile, il traguardo del secolo di vita.

Nostra sorella Morte, sbagliando clamorosamente, se l'è portato via prima. Un amico per tutti noi, un fratello maggiore per me. Vogliate scusarmi, ma non mi è stato possibile fare a meno di questa amara confessione. Goffredo PINZUTI”

 

Grazie Goffredo …, come sempre puntuale, preciso e ineludibile nella tua “amara” conclusione ...

 

ALLA CERIMONIA FUNEBRE PARTECIPERANNO LE ASSOCIAZIONI D'ARMA

APPARTENENTI ALLA CONSULTA DI VITTORIO VENETO

 

RESPONSABILE DEL SITO

Webmaster,

via Vittorio Veneto, 26

31016 CORDIGNANO (TV)

+ 39 347 533 0865

TORNA A