Page 6 - LIBRETTO INFORMATIVO
P. 6

Saluto del Sindaco  di Vittorio Veneto
                                 Dopo fanti, alpini, cavalieri, lagunari e paracadutisti
                                 non poteva che essere l’Assoarma a chiudere l’anno dei
                                 grandi raduni di Vittorio Veneto nel Centenario della
                                 conclusione della Grande Guerra.
                                 Giungono infatti alla fase finale per la nostra Città e
                                 per l'Italia quattro intensi anni di commemorazioni e
                                 ricordi del Centenario, lasciando un messaggio forte e
                                 chiaro: non dobbiamo dimenticare il sacrificio di san-
                                 gue di chi ci ha lasciato in eredità l'Unità d'Italia e poi
      la Repubblica democratica.
      Ma non possiamo nemmeno dimenticare che con la fine della Grande Guerra nacque la
      Società  delle  Nazioni,  l'organizzazione  internazionale  progenitrice dell'ONU istituita
      allo scopo di mantenere la pace e sviluppare la cooperazione internazionale in campo
      economico e sociale, fondata quando il mondo, attraversato il dramma della Seconda
      Guerra Mondiale, comprese appieno che solo la pace consente all'umanità di raggiunge-
      re altri importanti traguardi come la libertà, la giustizia e la democrazia.
      Le Associazioni d’Arma concorrono oggi a mantenere vivo un sistema di valori e di re-
      lazioni sociali che, basate sulla comune appartenenza e lo spirito di corpo, valorizza la
      collettività e la coesione sociale, proponendosi come riferimento per tutti i militari in
      servizio e in congedo. Ciò le rende custodi, al contempo, dei valori dell’Arma d’apparte-
      nenza, delle tradizioni, della memoria di coloro che hanno sacrificato la propria vita
      per il servizio e, quindi, per la Patria e il sentimento di Unità Nazionale.
      A cento anni dalla Grande Guerra abbiamo compreso appieno  che  il sentimento di
      amore e rispetto per il proprio Paese è cosa ben diversa dai terribili nazionalismi che
      sconvolsero l’Europa del Novecento, e possiamo confrontarci con le altre nazioni in mo-
      do diverso, riconoscendo le reciproche differenze e valorizzando le specifiche peculiarità.
      La presenza di Assoarma tra le associazioni d’arma che in quest’anno del Centenario si
      sono radunate a Vittorio Veneto è la dimostrazione che tutti, senza distinzione tra chi
      partecipò e chi non partecipò alla battaglia finale che da Vittorio Veneto prese il nome,
      sentono questa Città come il simbolo che ci identifica tutti come Italiani. Italiani pronti
      a cogliere, da un passato al contempo tragico e glorioso, stimoli importanti per il futuro,
      per tenere alto il nome di un Paese che vuole essere sempre più affidabile interlocutore e
      contribuisce fattivamente alla pace nel mondo. Vittorio Veneto cento anni Città della
      Vittoria, Vittorio Veneto oggi Città della Pace e della Libertà.
      Ai radunisti e ai loro familiari che saranno presenti al 5° Raduno Nazionale
      di Assoarma, giunga il benvenuto mio personale e di tutta la Città di Vittorio
      Veneto.
                                         Prof. Roberto Tonon
                                       Sindaco di Vittorio Veneto


                              5RadunoAssoarma2018—Pag. 3
   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11